La macchina del tempo.

Lin, Lan, Len (i messaggeri di MoRkObOt) colti (in tutti i sensi) dalla voglia di approfondimento di nuovi aspetti della scienza, hanno deciso di intraprendere la strada dell’autosperimentazione assistita, ovvero hanno deciso di fungere da cavie loro stessi per un elaborato esperimento (appunto) scientifico. Tale ennesimo esperimento, di cui un (ennesimo) resoconto è documentato nelle righe successive a questa, ha avuto inizialmente lo scopo di verificare il corretto funzionamento dell’apparato digerente quando esso (l’apparato, si intende) è sottoposto ad una dose superiore di informazioni necessarie ad attuarne il corretto fluire dei relativi flussi gastrostomacoidali. Ma una grande ed inaspettata scoperta ha premiato gli sforzi dei messaggeri, tra poco si scoprirà (appunto) come.
Per la corretta gestione dei flussi, si è reso necessario il reperire alcuni materiali atti fondamentalmente a rendere possibile lo svolgimento dell’esperimento (appunto), se opportunamente combinati tra loro.
– n°1 (uno) pane, di 14 (sedici) centimetri di diametro, di 5 (cinque) centimetri di spessore. Tale materiale deve essere diviso orizzontalmente in due parti in modo da ottenere 2 (due) dischi complementari.
– n°2 (due) Svizzera, di 15 (diciassette) centimetri di diametro (quindi debordante rispetto al diametro del pane), di 2,5 (due virgola cinque) centimetri di spessore.
– n°1 (uno) uovo, cotto in acqua bollente e successivamente modificato geometricamente mediante un comune coltello.
– n°2 (due) foglie di insalata di ragguardevoli dimensioni. Tali dimensioni dovranno essere tali da coprire due volte la superficie della Svizzera.
– n°8 (otto) pomodorini, del diametro poco superiore di una quello di una ciliegia di grosse dimensioni. Anch’essi dovranno essere modificati geometricamente.
– n°1 (uno) fetta di Emmental, (ovviamente) esso dovrà essere collocato sulla Svizzera.
– n°1 (uno) fetta di suino ben cotto, ma (ovviamente) dallo spessore assai più spesso (appunto) dello spessore ricavato con un comune dispositivo affettatore e dovrà essere collocata sul lato oscuro della Svizzera.
Una volta assemblati tutti i componenti è possibile studiare il comportamento dell’apparato digerente con una quantità ti tempo decisamente superiore a quello di un normale processo digestivo. Infatti il corretto abbinamento tra i componenti e le idonee quantità di materiali utilizzati fanno sì che il processo di dissoluzione dei componenti negli acidi preposti alla digestione sia notevolmente rallentato.
In questo modo i messaggeri sono riusciti a realizzare una innovativa macchina del tempo. Tale macchina è in grado di rallentare il tempo all’interno di un organismo vivente e, al contempo, di accelerare lo scorrere del tempo sulle cellule che ne formano l’involucro esterno (più comunemente denominato “aspetto fisico”) portando le di costoro esistenze verso spasmodici invecchiamenti consequenziali. Lin, lan, Len (i messaggeri di MoRkObOt) hanno realizzato la tanto rinomata “macchina del tempo”.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s