Gli equivoci.

Una delle patologie più diffuse in alcune categorie di esseri umani è quella generalmente denominata “equivoco”. L’equivoco si manifesta in soggetti prevalentemente dediti alla vita notturna che hanno quindi modo di interagire con altri individui al calar il sole. L’equivoco attacca principalmente la parte di cefalo atta ad immagazzinare i ricordi. Spesso ne cancella ogni traccia (dei ricordi, si intende) oppure ne altera il contenuto. Nella prima possibilità viene cancella la parte che va dalle ore 01:00 (circa) fino a quando il cefalo arresta il suo funzionamento per dedicarsi interamente allo svolgimento del sonno. Generalmente le forme di vita colpite da equivoco rimuovono totalmente frasi o immagini di altre forme di vita incontrate nel limbo temporale di cui sopra, come se quegli istanti non fossero mai stati vissuti. Nella seconda possibilità, invece, l’equivoco non cancella i ricordi, ma ne altera il contenuto. Anche in questo caso il range d’azione temporale è il
medesimo del caso precedentemente esaminato. In questi casi le forme di vita colpite tendono ad associare volti, frasi e nominativi delle forme di vita interagenti (spesso caratterizzate da tratti somatici assai simili, altre volte caratterizzate da aspetti estetici totalmente differenti) ad altre forme di vita appartenenti a ricordi precedentemente immagazzinati
(spesso anche mesi prima), ma inspiegabilmente collocate in modo scorretto nella banca dati del proprio cefalo.
Una volta che la forma di vita ha appurato che è effettivamente infetta da equivoco ecco che subentrano effetti spesso indesiderati, come disagio, frustrazione e smarrimento, che generalmente si manifestano per le ore successive alla contrazione dell’equivoco.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s